SYNOPSIS

CRITICS

«Felice è tra i lavori più preziosi che abbiamo in questa edizione del Festival, Sergio Fiorentini è straordinario. Sulla linea del precedente cortometraggio con Milena Vukotic, già premiato nella prima edizione del CFF, Antonio Costa conferma nuovamente il suo mondo poetico e il suo rigore registico ascetico alla Haneke».

DIREZIONE ARTISTICA CFF 2015


«La regia di Costa, perfetta e mai esasperata, non lascia scampo, tenendo legato lo spettatore fino all’ultimo. L’occhio del cineasta costruisce la narrazione in modo da lasciare molte domande aperte, mostra con spietata lucidità l’orrore di un atto inqualificabile che si nasconde dentro le mura domestiche, ma lo sguardo di Costa è pronto a proteggere in un certo senso e ad accarezzare Felice, un uomo in balia di se stesso e dei suoi demoni».                                                                                                        

ELEONORA DEGRASSI, "Mediacritica"

 

«È una lirica del dolore. Come in quadro di Burri la “materia povera” diviene forma bella. “Felice” del giovane e già maturo Antonio Costa, che firma sceneggiatura originale, regia e musiche, potrebbe essere il manifesto non programmatico del suo cinema. Il ritorno ai temi della relazione coniugale, del matrimonio come forma e paradigma, della senilità, della famiglia».

M.M., "Fashiontales.org"

«Bellissimo e toccante».

DIANE MALHERBE, Sale Agent – "Some Like It Short"

«Per la capacità e l'essenzialità con la quale riesce a raccontare una mostruosità che fa parte della storia dell'uomo. Non nascondendo l'ambiguità che si cela dietro l'orrore e non cancellando l'essere umano che lo compie. Una regia perfetta, un interprete che è più che credibile, quasi fosse una testimonianza vivente. Secco, lucido e spietato anche nei raggi di tenerezza che predispone magistralmente allo sguardo potenzialmente vincolato nel finale dal giudizio».

MENZIONE GIURIA, Corto Aperto Short Film Contest

«C'è la stoffa, tecnica superlativa da futuro maestro. Ottima fotografia, musica bellissima, attore magnifico».

GIUSEPPE RUFFINO, Direttore "TerrasiniOggi"                                                                                                                                           

 

«Il merito di Antonio Costa, così come fu per “A casa”, è quello di raccontare lo stato d’animo del protagonista e il gesto d’orrore, scavando nel quotidiano, nella routine della vita. La regia di Costa punta l’obiettivo verso il personaggio interpretato da Fiorentini, tenendolo al centro della scena senza mai perderlo di vista, ne mette a nudo la disperazione e soprattutto il distacco dal mondo».

WILLIAM MOLDUCCI, "L'Italo-Americano"

FESTIVALS

68° Festival de Cannes - Short Film Corner  //  ShortShorts Film Festival (Mexico City) - “Italia en corto”
Corto Aperto Short Film Contest (PREMIO DEL PUBBLICO & MENZIONE GIURIA)  //  Shakespeare Festival (PREMIO SPECIALE ALLA MEMORIA DI SERGIO FIORENTINI)  //  Cervignano Film Festival – Official Selection  //  Corto Pepper Fest (Official Selection)
Per...Corti Alternativi (Official Selection)  //  Wag Film Festival - Sguardi d'autore (Official Selection)

Written and directed by                    Cast 

ANTONIO COSTA                                                        SERGIO FIORENTINI, ANNA LEONE, ANITA KRAVOS                                      

 

Production                                          Producer  

8 PRODUCTION                                                           LAURA CATALANO

Cinematographer                              Sound                                                   Production designer

ALFREDO LEMBO                                                      MICHELE A. PARISI                                                      VITO G. ZITO
Costume designer                             Make-up artist                                     Editor & Colorist 

PAOLA MINEO                                                            SONIA CEDRONE                                                          ANDREA BONANNI
Sound designer                                  Visual effects                                      Original music

STEFANO DI FIORE                                                    MARCO SALVATORI                                                    ANTONIO COSTA

 

 

Felice, un anziano signore, si muove per casa annoiato, in attesa che rientri la moglie.

Qualcosa sembra turbare la sua tranquillità. Un verme striscia per terra.

Felice, an old man, walks bored around his home, waiting for his wife to come back.

Something seems to disturb his peace. A worm crawls on the floor.

2015 ITALY, 12' 40''

«Antonio Costa reconfirms again his poetic world and his ascetic rigor à la Haneke»

«««Costa's direction, flawless and never exasperated, doesn't let go, and holds the spectator right until the end»

«Very beautiful and touching». 

  • Facebook - Black Circle

««It is a poetry of pain. Like in a Burri painting the 'raw material' becomes a beautiful form. "Felice" from the already mature Antonio Costa can be considered a spontaneous manifesto of his cinema»

«««A perfect direction, interpreted in a more than credible way, like Fiorentini was a living testimonial. Dry, bright and ruthless even in its tender moments».

«The talent is there, superlative technique like a future maestro». 

«««The direction of Costa focuses on the character interpreted by Fiorentini, holding him at the center of the scene, without even losing sight of him, and exposing his desperation and above all his detachment from the world».

MEDIACRITICA

CFF 2015

FASHIONTALES.ORG

DIANE MALHERBE 

CORTO APERTO SFC

GIUSEPPE RUFFINO

L'ITALO-AMERICANO

© 2017 by antonioCosta